GreenGT H2, il primo prototipo elettrico/idrogeno di auto da corsa, utilizza prodotti Fischer Connector

Success Story
Risolvere le nuove sfide nell’ambito degli sport estremi, in cui esperienza, innovazione e affidabilità sono fattori chiave, è l’attività preferita dai team di progettazione elettrica e meccanica di Fischer Connectors. 

“Per far fronte alle sfide in termini di tempo e sicurezza, legate alla nostra innovativa vettura dotata di celle a combustibile di idrogeno, abbiamo individuato in Fischer Connectors il partner tecnico capace di offrire una soluzione in grado di risolvere tutti i problemi, tra cui connessioni affidabili di elevata qualità, cablaggi completi e connettori push-pull appositamente pensati per garantire potenza e prestazioni elevate. In breve, stavamo cercando un connettore che garantisse una trasmissione fino a 800 Ampere e 600 Volt per alimentare la prima auto da corsa elettrica al mondo”, afferma Christophe Schwartz, Engineering and Program Manager per il progetto GreenGT H2.

GreenGT H2
Jean-François Weber, Direttore Generale e Responsabile della Ricerca e Sviluppo di GreenGT, azienda indipendente attiva nel campo della progettazione, dello sviluppo e della commercializzazione di sistemi di propulsione per veicoli puliti e sostenibili, con particolare attenzione alle competizioni e all’innovazione, spiega le ragioni che hanno condotto alla collaborazione con Fischer Connectors: “I prodotti innovativi di Fischer Connectors vantano eccellenti risultati anche in condizioni operative estremamente gravose. Abbiamo particolarmente apprezzato la competenza nello sviluppo di soluzioni in grado di soddisfare le nostre specifiche esigenze tecniche e ambientali, dal momento che i connettori hanno un impatto diretto sulla sicurezza, sulla velocità e sull’affidabilità delle vetture”.

Per poter scendere in pista, una vettura deve essere conforme alle norme FIA e agli standard di sicurezza; deve essere veloce sui rettilinei e nelle curve, leggera e affidabile al 100%. Per eccellere, ha bisogno della connessione giusta al suo interno. Ecco dove entra in gioco Fischer Connectors.

“Abbiamo lavorato in base alle necessità di GreenGT”, spiega Olivier Testaz, membro del team di ingegneria di Fischer Connectors, specializzato in progettazione meccanica. Thierry Goldhorn, ingegnere meccanico, afferma: “Sebbene la maggior parte dei connettori che GreenGT voleva utilizzare nella loro auto erano molti vicini a prodotti della nostra gamma standard, avevamo bisogno di essere sicuri di rispondere a tutte le loro esigenze specifiche, quindi abbiamo deciso di sviluppare anche nuove soluzioni; considerando la sua innata robustezza, abbiamo preso la Fischer UltiMate Series come punto di partenza e abbiamo continuato da lì il nostro lavoro”.


La compattezza e la resistenza agli urti e alle vibrazioni lo rendono il connettore ideale in spazi ristretti, come, ad esempio, le zone circostanti il gruppo propulsore. “Nessuno può immaginare quanti componenti sono presenti in un spazio tanto ristretto. In certi punti del telaio, ogni millimetro è importante. Abbiamo dovuto prestare particolare cura alla progettazione, alla produzione, ai controlli dimensionali ed elettrici. Abbiamo dovuto realizzare banchi di lavoro appositamente studiati per la predisposizione dei cablaggi. È stato come montare la cabina di pilotaggio di un A380 in un aliante”, aggiunge Goldhorn.

Dal momento che la vettura deve essere in grado di raggiungere i 300 km orari in meno di 10 secondi, l'ultima cosa di cui aveva bisogno erano connettori e cablaggi pesanti.

Realizzata in alluminio, quindi molto più leggera dei connettori standard in ottone, la Fischer UltiMate™ Series si adatta alla perfezione in questa struttura resistente e al contempo estremamente leggera. Il telaio già integra molti elementi compositi in fibra di carbonio, tra cui i due serbatoi da 160 litri contenenti H2 pressurizzato a 350 bar, la carrozzeria completa, e la cellula di sicurezza a doppia camera resistente allo schianto.   

Il sistema push-pull di Fischer Connectors è facile da collegare e scollegare e offre ulteriori vantaggi alla squadra GreenGT H2 quando il tempo è un fattore critico. Con migliaia di cicli di accoppiamento possibili e la necessità di risparmiare millisecondi preziosi durante i pit-stop, questi connettori sono provvisti di uno speciale rivestimento in grado di ridurre la conduttività e di una polarizzazione meccanica che consente un innesto ultra rapido e sicuro.

“Stavamo cercando dei connettori ad alta tensione ed alto amperaggio, affidabili, estremamente facili da collegare e scollegare. Per garantire la sicurezza del personale impegnato a lavorare sulla vettura, è importante scollegare la batteria o l’alimentazione delle celle a combustibile. Non c’è una seconda possibilità. In condizioni tanto pericolose, non puoi trascurare nulla, o… hai chiuso! Nello specifico, gli operatori devono poter inserire o disinserire i connettori in meno di un secondo, senza alcun rischio di danneggiare se stessi”, spiega Jean-Francois Weber.  

“GreenGT ha sviluppato un nuovo sistema di celle a combustibile ad alta potenza, privo di batterie e di combustibile. Esso fornisce una potenza lineare di 340 kW o 460 CV. In parallelo,  un nuovo e leggero gruppo propulsore bimotore in grado di fornire fino a 400 kW o 540 CV, è stato realizzato appositamente per questo prototipo”.   

“Dovevamo sviluppare un tipo di connettore di elevata potenza unico nel suo genere (in grado di trasportare fino a 275A a 7,0 KV in CC e 5,0 KV in CA) in grado di avviare il sistema e la cella a combustibile e le prese sono talmente vicine al pilota che li abbiamo realizzati estremamente sicuri per l’uso e l’accesso”, conferma Testaz.


L’uso dell’idrogeno nelle auto da corsa GreenGT H2 garantisce maggior sicurezza, in quanto meno infiammabile della benzina. I motori elettrici sono più affidabili perché dispongono di un numero di componenti cinque volte inferiore a quello dei motori a combustione interna, mentre l’elettronica di controllo di ultima generazione e il sistema di telemetria garantiscono le migliori performance in pista. Per completare l’opera, questa vettura ad elevate prestazioni utilizza energia rinnovabile e non produce sostanze inquinanti o emissioni di gas, CO2 o NOx.

Con prodotti standard da catalogo, Fischer Connectors ha realizzato soluzioni di connessione per il GreenGT H2 riguardanti: compressore, beam acquisition system, push box, top box tour, light beam, fanali posteriori, fanale antinebbia, controllo della pompa dell’acqua, alimentazione elettrica a 12V e 24V e molto altro.


Individuando il connettore o la soluzione cablata più idonea da usare al posto giusto per ottenere la massima efficienza, sia che si tratti di un prodotto standard da catalogo (connettore o cablaggio) oppure di un progetto sviluppato su misura, il nostro team di ingegneri altamente qualificati si impegna  per vincere la gara della piena soddisfazione del cliente.